13 ottobre 2017

La presentazione dei progetti per il 5G da parte dei consorzi che inizieranno la sperimentazione, per la quale il ministero dello Sviluppo economico ha messo a disposizione le frequenze, inizia da Prato, lunedì 16 ottobre, per toccare nelle prossime settimane tutte e cinque le città interessate dal bando del Mise. Lunedì mattina, al Museo del Tessuto di Prato, sarà infatti presentato il progetto di sperimentazione 5G per le città di Prato e dell’Aquila. Il consorzio, guidato da Open Fiber e Wind Tre, si è aggiudicato il progetto in questo lotto e questa è l’occasione per la presentazione dei servizi che saranno sviluppati in 5G nella prima delle 5 città che, da quest’anno al 2020, sperimenteranno questa nuova tecnologia. All’incontro parteciperanno tra gli altri , oltre al sindaco di Prato Biffoni, anche il presidente e l’Ad di Open Fiber, Bassanini e Pompei, e l’ad di Wind Tre Hedberg. Le conclusioni saranno a cura del sottosegretario allo Sviluppo Economico, Giacomelli.

L’Italia è all’avanguardia in Europa in tema di 5G visto che la Commissione europea nel suo Action Plan ha invitato gli stati membri ad individuare entro il 2018 almeno una città dove sperimentare il 5G. Il governo italiano ha rilanciato con un bando pubblico in 5 città, dove sono state assegnati ai vincitori i diritti d’uso di 100 Mhz nella porzione di spettro 3.6-3.8 Ghz. L’obiettivo non è solo costruire l’infrastruttura ma anche sviluppare servizi digitali da esportare.

Per ulteriori dettagli clicca qui.